News Occhiali da sole

Una nuova Collaborazione

Oggi per cambiare un po’, parliamo del bufalo d’acqua, il cui nome scientifico è bubalus bubalis, un grande mammifero erbivoro appartenente alla specie dei bovini.

Non è bellissimo, ma la bellezza non è tutto!

In casa nostra preferiamo la bufala (come mozzarella intendo!), ma dicono che la sua carne sia tra le migliori dei bovini perché il contenuto di grassi e calorico è inferiore alle altre, è più digeribile e più succosa.

Ma siccome poi alla fine torno sempre a parlare di occhiali, te ne parlo anche oggi.

E ti svelo la novità (tra l’altro anche questa succosa come la carne di cui sopra).

Oliver Peoples, noto brand di occhiali nato nella mondana Los Angeles, che da decenni mette occhiali in viso alle star di Hollywood, ha pensato una Limited Edition in corno di bufalo d’acqua.

Assicurano che prendono i corni solo da animali deceduti e non a rischio d’estinzione, stai sereno.

Ora che siamo tutti più tranquilli, ti parlo dei nuovi Cary Grant in corno.

Cos’hanno di speciale, oltre al prezzo intendo?

Allora, siediti che ti racconto.

Oliver Peoples ha scelto uno dei suoi modelli iconici, il Cary Grant, che a sua volta si ispira al modello indossato dall’attore in Intrigo Internazionale nel 1959 (tra l’altro un bellissimo film giallo, se non l’hai ancora visto, provvedi) e lo ha reinterpretato utilizzando al posto della classica celluloide proprio il corno di bufalo d’acqua.

Una mossa astuta, perché questo materiale è molto più pregiato, naturale, confortevole e leggero, molto liscio al tatto, rispetto ai materiali tradizionali.

Sui colori c’è poco da dire, perché a seconda del bufalo, i toni vanno dal marrone chiaro a quello scuro; sono le venature che rendono unico ogni occhiale.

Inoltre sul terminale dell’asta sono incise le iniziali CG (data la collaborazione Cary Grant, ma se ti chiami Carlo e il tuo cognome inizia con la G, puoi spacciare l’occhiale come tuo personalizzato 😉).

Ultima scelta, e come azienda non fallisce mai un colpo, l’ha reso una mosca bianca producendone pochi pezzi e distribuendoli con il contagocce.

Da quello che so, solo 3 nel nord-Ovest italiano.

La notizia favolosa è che se abiti a Lerici, lo trovi nel mio negozio.

Ma quando lo vendo, devi prendere la macchina e andare dopo Arezzo (colori delle regioni permettendo!).

Quindi, se il bufalo d’acqua ti attrae, muoviti perché c’è un unico pezzo!

0 comments on “Una nuova Collaborazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *