Lenti a contatto News

Cose da NON fare con le lenti a contatto (se vuoi mantenere il tuo occhio sano)

Mi vengono in mente almeno una decina di cose da evitare quando si indossano le lenti a contatto, cose che spesso mi chiedono portatori incerti o inesperti.

Iniziamo subito la lista delle cose da NON fare.

  1. Indossare lenti a contatto con le mani sporche. Mi vengono i brividi. Perché se hai le mani sporche, già per abitudine non devi toccarti gli occhi, ma se lo fai, il tuo film lacrimale si ricambia completamente in circa 18 minuti. Se invece indossi le lenti a contatto, tutto ciò che hai sulle mani sta nell’occhio tutto il tempo della lente a contatto, dando tempo a microorganismi, batteri e quant’altro, di sistemarsi al meglio e proliferare nell’occhio.
  2. Non cambiare la soluzione conservante nel portalenti. Perché mi chiedo? Quando indossi la lente, butta via la soluzione in cui era immersa e asciuga il portalenti, lo sai che negli ambienti umidi proliferano i microorganismi e le normali soluzioni non sono particolarmente aggressive, dato che spesso la soluzione disinfettante va bene anche per sciacquare la lente prima di inserirla nell’occhio.
  3. Non pulire o non sostituire il contenitore. Anche qui, ma perché? È quasi sempre compreso nel prezzo della soluzione conservante (almeno, se acquisti da me è così), e come detto prima, i microorganismi potrebbero annidarsi e attaccare la lente quando la riponi. Sostituiscilo spesso per non rischiare di mettere una lente contaminata nell’occhio.
  4. Non pulire la lente a contatto. Quando la togli dall’occhio, se non è una lente giornaliera che quindi va gettata via, prima di metterla nel portalenti con la soluzione conservante, mettila nel palmo della mano e strofinala delicatamente, vedrai che quando la indosserai di nuovo, sarà più pulita e confortevole.
  5. Mettere le lenti a contatto in bocca. Sebbene sembri una cosa alquanto disgustosa, è molto più frequente di quello che pensi. E non è una buona abitudine perché i batteri che dimorano nella cavità orale finiscono direttamente nell’occhio e ci rimangono per tutto il tempo in cui tieni la lente a contatto indosso.

  1. Mettere esclusivamente le lenti a contatto. Non è certo un’abitudine sana. La prima cosa a cui penso è che sebbene le lenti a contatto di ultima generazione, siano fatte con materiali che fanno passare molto ossigeno, la cornea ha bisogno di respirare e per ovviare a questo problema, si ingegna, portando vasi sanguigni al suo interno. Non è proprio un bene, perché la cornea ha una struttura ben definita, costituita da particolare fibre collagene disposte perpendicolarmente tra di loro: qualunque cosa che interferisce, altera la trasparenza corneale, causando disturbi alla visione.
  2. Dormire con le lenti a contatto. Non ne vedo la necessità. A meno che non sia prescritto per qualche particolare terapia o trattamento, le lenti a contatto vanno rimosse, per consentire alla cornea di respirare liberamente durante il sonno.
  3. Non pulire le lenti a contatto sporche di trucco. Succede spesso che il pigmento o le sostanze oleose del make-up si depositino sulle lenti a contatto: bisogna toglierle, pulire a fondo e rimettere per non rischiare di irritare gli occhi.
  4. Usare le lenti a contatto con gli occhi irritati. Mi rendo conto che per milioni di motivi le lenti a contatto siano preferite rispetto agli occhiali, ma ci sono casi in cui non è assolutamente possibile utilizzarle. Se l’occhio si arrossa è sintomo che qualcosa non va, quindi mettere la lente a contatto diventa sconsigliato (a meno che non sia prescritta per particolari terapie, ma questo è un altro caso), anche solo lo sfregamento meccanico della lente a contatto accresce il rossore e il fastidio rendendo assolutamente molesto sopportare le lenti a contatto. Bisogna assolutamente capire la causa consultando lo specialista.

  1. Sfregare gli occhi. Intanto c’è la possibilità di spostare la lente o perderla e qui la cosa non è grave. Invece puoi correre il rischio di provocarti un’abrasione corneale: le lenti a contatto sono molto sottili, potresti rischiare di rompere la lente e a quel punto, il bordo non più integro graffiare dolorosamente la cornea.
  2. Utilizzare acqua corrente per bagnarla o pulirla. Assolutamente da non fare. Nell’acqua del rubinetto, delle docce, delle piscine al di là del calcare che può attaccarsi ad una lente sporca e provocare abrasioni sulla cornea, c’è lo spauracchio di ogni portatore di lenti a contatto: l’Acanthamoeba, il terribile protozoo che riesce a vivere nelle condizioni più estreme e a proliferare causando cheratiti estremamente dolorose e pericolose che possono sfociare nel trapianto di cornea.
  3. Avvicinare le lenti a contatto a fonti di calore. Può sembrare un’ovvietà, ma le lenti a contatto sono polimeri di plastica poi legati a materiali che trattengono acqua. Se le avvicini a una fonte di calore, l’acqua evapora e si disidrata rendendo fastidioso portare la lente a contatto.
  4. Scambiare le lenti a contatto usate. È sconsigliabile scambiare la lente dell’occhio destro con la sinistra, anche se la gradazione è la stessa nei due occhi, perché potrebbe esserci un’infezione tipo la congiuntivite in un occhio e scambiando la lente finisce anche nell’altro. Proprio per il rischio di infezioni, le lenti a contatto usate non vanno mai scambiate con altre persone.
  5. Usare l’acqua salata per conservarle. L’acqua salata, cioè la soluzione salina, non è sufficiente per preservare le lenti a contatto. È necessario un conservante che abbia una dose adeguata di disinfettante.
  6. Usare le lenti a contatto oltre la durata consigliata. Se è per dimenticanza, basta fare un segno sul calendario per ricordarti di sostituirle. Se invece è premeditato è segno di incoscienza verso te stesso e i tuoi occhi. Se le lenti sono consigliate per 2 settimane, pensi di risparmiare, utilizzandole per più tempo. Le lenti a contatto si sporcano, si infettano, si usurano, si rompono: magari non te ne accorgi perché con il tuo uso scellerato, hai costretto il tuo occhio ad abituarsi ai tuoi soprusi ed è stato costretto a perdere sensibilità.

¡Attenzione: è proprio la sensibilità che ti richiama all’ordine quando qualcosa non va. Se il tuo occhio ha perso sensibilità, sei senza barriere. Prenditene cura ancora di più.

Penso di fermarmi qui, mi auguro che tu non faccia nessuna di queste 15 cose, ma se per caso sgarri in qualcuna, cerca di stare attento, perché gli occhi sono un bene molto molto prezioso.

0 comments on “Cose da NON fare con le lenti a contatto (se vuoi mantenere il tuo occhio sano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *